MATERA – La Casertana perde una gara che di fatto non l’ha mai vista scendere in campo almeno con la testa. I falchetti dopo un primo tempo arido di occasioni sono stati travolti alla ripresa dal Matera che ha subito dato tre sberle rifilando l’ultima al ottantunesimo. La prima frazione di gioco ha visto il Matera provarci un po’ di volte con Armellino e la Casertana sciupare forse la migliore occasione con un tiro dal limite di Orlando che Alastra devia. Dopo una pausa durata ben più dei canonici 15 minuti a causa di un guasto all’impianto elettrico le due squadre rientrano in campo ed inizia la mattanza dei falchetti che parte già al quarantottesimo quando Armellino con un siluro brucia Ginestra nel sette. I lucani non si fermano più e dopo 20 minuti siglano il raddoppio con Negro che intercetta un passaggio tra Lorenzini e Ginestra. Il tris però è servito ed al 71esimo e carretta a bucare per la terza volta la Casertana con l’esterno bianco azzurro che si ripete per il poker 10 minuti dopo. La girandola di cambi però gioca la Casertana entra Giannone e la partita cambia: e prima il numero 10 a trasformare un rigore al 86esimo e due minuti dopo Corado trova la rete che dimezza le distanze.

LASCIA UN COMMENTO