BENEVENTO – Nel turno infrasettimanale i giallorossi hanno perso in trasferta contro il Cagliari per 2-1 all’ultimo minuto di recupero (Faragò e Pavoletti per i rossoblu e Iemmello su rigore per i sanniti) beffati da Pavoletti dopo aver pareggiato su rigore al 94′ con Iemmello. Nella gara di oggi, ore 12.30, il Benevento esce con le ossa rotte dal match casalingo contro la Lazio. La compagine di Simone Inzaghi segna 3 reti in poco meno di mezz’ora. Dopo tre giri di lancette Bastos sblocca la gara portando gli ospiti sullo 0-1, poi Immobile e Marusic chiudono la gara intorno al minuto 25 del primo tempo. Nella ripresa c’è una timida reazione dei padroni di casa che accorciano le distanze con Lazaar e ci provano in un paio di occasioni con Ciciretti, ma con l’ingresso di Nani (subentrato a Lulic) la Lazio riprende il pallino del gioco in mano. Il Portoghese prima serve Parolo che sigla la rete dell’1-4, per poi realizzare lui stesso la quinta rete per i biancocelesti. Undicesimo Ko consecutivo per il Benevento che, dopo aver superato il record di sconfitte del Venezia degli anni ’40, eguaglia il record negativo del Grenoble.

LASCIA UN COMMENTO