SAN MARCO EVANGELISTA (CASERTA) – Manca circa un mese all’inizio del campionato provinciale di calcio ASI, che quest’anno vedrà un upgrade sia dal punto di vista organizzativo che di squadre (che dovrebbero numericamente aumentare) e sul piano delle gare, con la prima supercoppa che chiuderà definitivamente la scorsa stagione dandoci un assaggio del campionato che verrà. Le sfidanti della gara che si svolgerà il 10 settembre a Marcianise sono Lo United Marcianise, vincitore del campionato ASI e l’Audace San Marco detentore della Coppa ASI. Nell’attesa della gara che decreterà il vincitore del primo trofeo della stagione, siamo riusciti ad avvicinare il presidente dell’Audace San Marco, Giovanni Ciaramella, che ai nostri microfoni ci parla non solo della supercoppa, ma anche del campionato che verrà: «Come obiettivo del campionato puntiamo a migliorare quanto fatto di bene l’anno scorso, miriamo ad entrare nel lotto delle prime per giocarci il campionato nella seconda fase. L’importante è tenere alta sempre la concentrazione e dare sempre il meglio di noi, poi se si è lavorato bene arriveranno sicuramente anche i risultati sul campo. Ovviamente il nostro vero obiettivo è quello di trascorrere tanti sabati in compagnia per divertirci con le altre squadre, a cui auguro un sereno campionato. Attualmente siamo in una fase preparatoria al campionato, ci stiamo incontrando un paio di volte la settimana anche per far integrare al meglio i nuovi acquisti. Abbiamo effettuato un paio di amichevoli, una ad inizio agosto, ed un’altra nello scorso week-end, oltre una partita fra di noi, e sinceramente ho visto già molti giocatori in condizione, anche perché parecchi hanno partecipato ai vari tornei estivi della nostra provincia. Con la nostra avversaria per la Supercoppa, lo United Marcianise, abbiamo già disputato due amichevoli con una vittoria per parte. Proprio sabato 03 settembre abbiamo giocato una sorta di prova per la Supercoppa, ed abbiamo portato la vittoria a casa, ma sicuramente il Marcianise della Supercoppa sarà una squadra diversa e più agguerrita. Noi sappiamo che ce la possiamo giocare e daremo il massimo per portare un altro trofeo a casa. Loro sono i favoriti, ma noi siamo in continua crescita e ce la giocheremo fino alla fine. In questo precampionato ho avuto buone sensazioni dalle prestazioni della squadra. Se saremo al completo, cosa che spero, penso che sarà una partita combattuta ed equilibrata». il presidente dell’Audace San Marco, che come tutte le società amatoriali si ritrova anche ad occupare il ruolo di giocatore, non si sbottona più di tanto sul mercato dicendoci semplicemente: «Non abbiamo fatto cessioni ma svincoli, in quanto parecchi amici hanno dovuto lasciare il nostro progetto per motivi lavorativi o familiari, ma lo zoccolo duro che ci ha portato a vincere la Coppa ASI l’anno scorso è rimasto in toto, e questo per me è motivo di soddisfazione, perché vuol dire che si è lavorato bene. Per i nuovi acquisti ci siamo mossi sul mercato per rafforzare una rosa già di per sé competitiva, non voglio fare anticipazioni sui nomi in quanto siamo ancora in una fase transitoria e di prova, ma le posso dire che abbiamo preso un forte centrocampista che l’anno scorso ha fatto bene in prima categoria, un portiere di spessore, oltre a tre giocatori veloci da impiegare sulle fasce, ruolo molto dispendioso per la velocità che bisogna avere durante l’arco di tutta la partita». Infine il presidente ci rivela una chicca storica sulla società: «Deve sapere che L’Audace San Marco identifica il comune di San Marco Evangelista ed i nostri colori sociali sono rosso e blu. Il nome ‘audace’ è stato scelto in onore di un’altra storica compagine avente lo stesso nome che gioca a San Marco Argentano in provincia di Cosenza, squadra dove ho militato mentre mi trovavo in Calabria per lavoro, e con la quale nella stagione 2005/2006 ho vinto un torneo provinciale di calcio a 11».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here