AVERSA (CASERTA) – Sigma Aversa stratosferica. Vittoria da urlo al ‘PalaJacazzi’ contro la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania al termine di una maratona decisa solamente al tie-break. Decisivi nel quinto set lo schiacciatore brasiliano Hister e il centrale Giacobelli: il primo ha regalato aces e servizi da applausi mentre il secondo ha ‘stampato’ ben 4 muri di fila candidandosi ad essere mvp del match. Due punti di straordinaria importanza per i normanni che adesso saranno chiamati, tra campionato e Coppa Italia, a tre trasferte consecutive in una settimana. Ma far partire il girone di ritorno in questo modo è semplicemente fantastico…

PRIMO SET. Subito muro di Robbiati ed ace di Santangelo e Sigma Aversa che è già +3 (5-2). Servizio vincente anche di Pinelli e primo tempo di Sesto e sfida che ritorna in parità (5-5). A referto si iscrive anche Giacobelli che sigla il nuovo +3 sull’11-8. Due punti di fila dell’opposto normanno e tabellone che recita 13-8. Santangelo è tutto un fuoco: ace e 16-10. Coach Montagnani è costretto a chiamare time-out per fermare l’onda d’urto della Sigma. Al rientro in campo break di Tuscania e l’allenatore Bosco richiama i suoi in panchina (16-13). Il muro di Shavrak su Hister riporta la contesa in parità (16-16). Sull’ace di Pinelli i laziali passano per la prima avanti (16-17). Si va punto a punto. Il primo set point è degli ospiti: mani e fuori di De Souza e 23-24. Il muro di Sesto su Santangelo porta le due squadre a cambiare campo.

SECONDO SET. Parte forte la Sigma Aversa che riesce subito a regalarsi un vantaggio di tre punti (4-1). Hister passa nel muro e ci sono ancora due lunghezze tra i padroni di casa e la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania (8-6). A 10 però si ritorna in parità. Primo doppio vantaggio degli ospiti quando Ottaviani trova l’ace del 15-17. E coach Bosco ferma tutto per cercare di trasmettere serenità alla sua squadra. Al rientro in campo però è ancora Ottaviani a piazzare un servizio vincente che spinge i suoi sul +3. Aversa però non si arrende. Macina gioco e riesce a rientrare in partita grazie al muro vincente di Hister. Sul 20 pari coach Montagnani chiama ‘discrezionale’. Robbiati stampa un ‘block’ nel metro su Shavrak e regala il vantaggio (22-21). Il muro e out di Santangelo permette ai normanni di avere tre palle per l’1-1. Tuscania ne annulla due ma non la terza: siluro in diagonale di Hister e 25-23.

TERZO SET. C’è equilibrio fino a quando il capitano normanno Enrico Libraro decide di salire in cattedra tirando a cento chilometri orari un diagonale che vale il +3 (9-6). Quando poi il palleggiatore Pedro Luiz Putini e il centrale Robbiati decidono di mettere la freccia è impossibiel fermarli: tocco con le nocche del brasiliano e muro da urlo del ‘bomber’ di Robbio e 15-9. Sul 18-12 coach Montagnani decide di giocarsi il time-out per far rifiatare i suoi per il forcing finale. Il ventesimo punto della Sigma viene ‘regalato’ dal fallo laziale (20-13). I due aces di Libraro (palla che tocca il nastro e cade dolcemente nel campo avversario e poi sfera che trova l’incrocio delle linee) permette alla squadra del presidente Sergio Di Meo di avere 8 punti di vantaggio (23-15). Santangelo permette ad Aversa di giocarsi 7 palle set (24-17). Due vengono annullate. Ma Hister ha voglia di chiudere il parziale: diagonale da applausi e 25-19.

QUARTO SET. La gara si porta in pochi minuti sul 6 pari poi il muro su Libraro regala il primo +2 a Tuscania (6-8). Shavrak sfrutta una ricezione non perfetta e sigla il 7-10. Il muro di Pedro Putini riporta la contesa sul 13-14 con la Sigma che ha solo un punto da rimontare sugli avversari. Ma la Maury’s è dura a morire e in pochi secondi è nuovamente +3 (14-17). Aversa non riesce a rimontare e il vantaggio degli ospiti aumenta (18-22). Due punti di fila della squadra di Montagnani e 6 palle per il quinto set. Aversa ne annulla due ma è De Souza con un pallonetto tra ‘3’ e ‘6’ che regala il 2-2 e il tie-break (20-25).

QUINTO SET. Nell’ultimo e decisivo parziale Tuscania parte subito fortissimo portandosi sul 4-7 e la Sigma Aversa al cambio campo ha tre punti da recuperare (5-8). Al rientro in campo c’è subito la reazione: due muri consecutivi di Giacobelli e pareggio (8-8). Coach Montagnani chiama time-out. Ma il centrale normanno non si scompone: altro muro e sorpasso. Ace di Hister e +2 (10-8). Giacobelli ormai è l’incubo dei laziali. Ancora una ‘stampata’ micidiale e +4 (12-8). E secondo voi che regala 5 palle set col punto del 14-9? Non lo diciamo nemmeno. Il set e la gara vengono decise dall’errore di Bondini che chiude la maratona 15-10.

SIGMA AVERSA – MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA 3-2 (23-25; 25-23; 25-19; 20-25; 15-10)

SIGMA AVERSA: Di Florio, Santangelo 25, Vacchiano (L), Putini 2, Razzetto ne, Libraro 11, Hister 16, Attanasio ne (L2), Robbiati 14, De Rosas, Valla ne, Montò, Giacobelli 13. All. Bosco Pasquale. Secondo all. Bosco Alfonso

MAURY’S ITALIANA ASSICURAZIONI TUSCANIA: Buzzelli 2, Calonico 6, Marchisio (L), Sesto 11, Vitangeli ne, Ottaviani 12, Pinelli 3, Mazzon, Bondini 1, De Sousa 16, Shavrak 17, Dellepiaggi, Pieri ne (L2). All. Montagnani. Secondo all. Martilotti

ARBITRI: Giuseppe De Simeis di Lecce e Marco Colucci di Matera

LASCIA UN COMMENTO