AVERSA (CASERTA) – Il day after è sempre quello delle riflessioni. E’ il giorno in cui spesso si realizza quanto fatto. E oggi la Sigma Aversa e il suo presidente, Sergio Di Meo, può tranquillamente dire di essere entrata, di diritto, nei libri di storia della pallavolo aversana e campana. La squadra guidata da coach Pasquale Bosco ha riportato nella città dell’Arco dell’Annunziata la passione e la voglia di tifare per un sogno. Contro la GoldenPlast Potenza Picena gli spalti erano ancora una volta pieni di bambini, giovani e appassionati che con il loro incitamento hanno portato alla vittoria capitan Libraro e compagni. E questo non può che essere motivo di orgoglio per chi, con enormi sacrifici, ha visto nascere e crescere questa splendida creatura: “La nostra società e il magnifico pubblico del palazzetto potrà dire di aver vissuto un momento storico per il volley aversano – afferma il numero uno della Sigma Aversa -, era una vittoria che stavamo aspettando e che è arrivata al termine di una gara fantastica che ha regalato sprazzi di altissima pallavolo e che ci ha visto trionfare dopo una maratona di oltre due ore. E’ stata una gran bella partita tra due squadre che hanno provato a conquistare l’intera posta in palio lottando su ogni pallone dall’inizio alla fine. E’ un risultato importante per tutti noi ed è un premio per tutta la società che ha fatto passi da gigante in questi anni per raggiungere questa tanto sognata Serie A. E’ stato bello vedere ancora una volta, in una settimana, il palazzetto dello sport pieno e sempre colorato con i colori sociali della nostra squadra. E’ straordinario vedere la migliore pallavolo italiana calcare il taraflex del PalaJacazzi ma dopo questa vittoria non bisogna abbassare la guardia. Abbiamo vinto una ‘battaglia’ ma altre ci attendono nelle prossime settimane”. La Sigma Aversa ritornerà infatti al lavoro già domani perché bisogna preparare la prossima gara di campionato della Serie A2 Unipol Sai. Domenica prossima c’è la sfida contro Lagonegro: “Ritorneremo a giocare ad Aversa tra tre settimane perché abbiamo due trasferte consecutive contro Lagonegro e Club Italia. Entrambe sono dietro di noi in classifica e speriamo di mettere in cassaforte un po’ di punti fondamentali per conquistare quella salvezza che è il nostro obiettivo. E’ un campionato difficilissimo e stiamo avendo conferma di ciò già da queste prime partite del girone. Non possiamo permetterci il lusso di mollare nemmeno un centimetro perché siamo la Sigma Aversa e i normanni non mollano mai”.

LASCIA UN COMMENTO