CASERTA – In merito alla penalizzazione di un punto addebitata alla sua classifica ed alla sospensione di un mese inflitta a Carlo Barbagallo, la VolAlto Caserta comunica che è sua intenzione presentare immediato ricorso circa l’annullamento di tali provvedimenti decisi dal Tribunale Federale con comunicato ufficiale datato 9 novembre 2016.

Il procedimento era stato aperto perchè la VolAlto era stata accusata di non aver adempiuto a quanto disposto dall’art.2 bis comma 3 RAC anno 2016/2017, ovvero, di aver omesso il pagamento del saldo pari al 100% contrattualmente previsto in favore delle atlete Silvia Lotti, Luisa Casillo, Noemi Porzio, Sara De Lellis, Anastasiya Harelik e Fabiola Facchinetti,

Le atlete, come previsto all’art. 2bis numero 2 del Regolamento Ammissione Campionati, avevano comunicato entro il termine del 25 Settembre 2016, di non aver ricevuto il completo pagamento di quanto contrattualmente previsto per la prestazione sportiva relativa alla stagione 2015/2016.

Successivamente all’apertura del procedimento sia le atlete, anche a mezzo dei loro procuratori, che la società Volalto, hanno comunicato la ricezione del pagamento a saldo.

Rimaneva aperta solo la situazione Facchinetti, ma anch’essa ha ricevuto, sebbene in ritardo rispetto ai tempi convenuti, (dal 25 settembre al 30 settembre ndr) il saldo della sua prestazione a mezzo bonifico bancario.

Alla luce di ciò il club rosanero comunica di non aver alcuna pendenza con le sue vecchie tesserate e che parimenti presenterà ricorso per vedersi restituito il punto oggi addebitato in classifica e l’annullamento della sospensione inflitta a Carlo Barbagallo.

LASCIA UN COMMENTO