NAPOLI – L’imbattibilità della capolista Planet Strano Light Pedara non si ferma. Le siciliane battono in trasferta la Lp Pharm Napoli per 3-1 riuscendo a tenere a distanza la Fiamma Torrese. Le partenopee purtroppo soffrono troppo in ricezione e cadono sotto i colpi di Lo Re e Marino che in 4 set riescono a siglare rispettivamente 23 e 18 punti. Ora bisogna chiudere nel migliore dei modi il campionato: sabato prossimo ci sarà la sfida col fanalino di coda Potenza e poi all’ultima in casa il derby con la Fiamma. E dopo quella gara si potrà pensare già al futuro.

PRIMO SET. La Lp Pharm Napoli parte forte ed è la prima squadra a centrare un primo doppio vantaggio quando Cammisa passa in diagonale per il 6-4. Al primo time-out tecnico del match le partenopee hanno tre punti di vantaggio da amministrare (8-5). I due aces di fila di Marino (12-10) tengono ancora a galla la capolista Pedara. Quando il Planet Strano Light arriva ad una sola lunghezza (14-13) coach Eliseo richiama subito in panchina le sue ragazze per trasmettere serenità. Al rientro in campo capitan Foniciello e compagne siglano cinque punti di fila (ace di Muzio e ‘bomba’ di Cammisa) per il 19-13. Contro break siciliano chiuso dall’ace di Lo Re e nuovo -1 (19-18). L’allenatore di casa sfrutta il secondo ‘tempo’. Reazione immediata fino al 21-18 e questa volta è coach Andaloro a chiamare ‘discrezionale’. La gara è molto equilibrata e si ritorna in parità a 22. Lo Re, con un pallonetto dalla seconda linea, regala 2 set point alla sua squadra (22-24). Ne basta uno: Cammisa attacca out e si cambia campo 22-25.

SECONDO SET. Si va punto a punto nel secondo parziale. Un fallo di posizione di Pedara regala il +2 alla squadra del presidente Bindi che va quindi al primo tempo tecnico sull’8-6. Napoli alza il muro e col capitano Foniciello sigla l’allungo del 10-6. Come nel primo set anche questa volta la formazione siciliana torna -1 con l’ace di Rapisarda ma questa volta la Lp Pharm è più cattiva e piazza l’immediato contro break col muro di Russo (13-10). La squadra ospite però non molla e torna in parità a 13 col servizio vincente di Ricchiuti. Bontorno piazza il sorpasso (13-14) che porta Eliseo a chiamare time-out. Entrano in campo Biscardi e Rapillo per Muzio e Cammisa. E la schiacciatrice calabrese ripaga subito la fiducia dell’allenatore: diagonale non difeso e 14-15. Sul 14-18 il tecnico partenopeo è costretto a chiamare nuovamente le sue ragazze all’attenzione per riuscire a restare in scia. Ace di Biscardi per il -2 e muro di Russo per il -1 (17-18). Il pareggio? Questione di secondi: servizio ancora una volta vincente di Biscardi per il 18-18. Poi è punto a punto. Il +2 (22-20) porta la firma di Cammisa. Attacco out di Marino e 4 set point per le padrone di casa. Ma vengono annullati tutti. Si va ai vantaggi. Il muro di Russo garantisce l’1-1 nel conto dei set (27-25).

TERZO SET. Parte fortissima la squadra siciliana di Andaloro che si porta sull’1-5. Biscardi, partita titolare nel set, viene servita spesso dalla palleggiatrice Mercanti e i risultati si vedono (5-7). Pedara ha tre punti di vantaggio quando la gara si ferma per il time-out tecnico. Quando Marino trova due aces di fila Napoli ha da recuperare 5 lunghezze dalle avversarie (7-12). Aumentano al secondo time-out tecnico quando Lo Re passa nel uro per il 10-16. La Lp Pharm prova a rientrare (16-20) e coach Andaloro ferma tutto con una ‘sospensione’. Il distacco però non si accorcia più e sul 18-23 è Eliseo a chiamare ‘tempo’. Quando Biscardi batte out il Planet Strano Light conquista il 2-1 col set che si chiude 20-25.

QUARTO SET. La Lp Pharm Napoli parte subito con un break di 3 punti. Sale in cattedra anche il libero Mazzarini con due difese eccezionali che portano al punto del 5-3 di Foniciello che rimanda indietro le avversarie. Al time-out il tabellone riporta 8-5. Con il passare dei minuti aumenta anche il vantaggio quando Cammisa trova le mani del muro per il 12-8 (decisione errata del primo arbitro cambiata dal secondo). Poi arrivano tre punti di fila delle ragazze di Andaloro e quindi sul 12-11 Eliseo chiama time-out. Quando Lo Re ‘spara’ out il risultato premia Foniciello e compagne (15-12). I tre punti di vantaggio ‘resistono’ anche al secondo time-out. Ma Pedara non ne vuole sapere di arrivare al tie-break e pareggia i conti a 19 con la pipe di Lo Re. Ace di Marino per il +2 siciliano (20-22). Lo Re regala il primo match point (23-24). E chiude anche il match con un pallonetto (23-25).

LP PHARM NAPOLI – PLANET STRANO LIGHT PEDARA 1-3 (22-25; 27-25; 20-25; 23-25)

LP PHARM NAPOLI: Mazzarini (L), Foniciello 12, Morra, Mercanti 2, Biscardi 6, Russo 8, Cammisa 20, Astarita 4, Muzio 2, Pelella, Rapillo (L2), Rosato. All. Eliseo. Secondo all. Rotunno

PLANET STRANO LIGHT PEDARA: Lo Re 23, Ricchiuti 4, Leonardi, Loddo 6, Rapisarda 4, Marino 18, Gueli (L), Bontorno 6. All. Andaloro. Secondo all. Caruso

ARBITRI: Antonio Calopietro di Bari e Marialuisa Traversa di Bari

LASCIA UN COMMENTO