Il San Marzano batte con pieno merito il Savoia nel terzo turno dei play-off, ultimo della fase regionale. In campo va in scena un vero e proprio monologo blaugrana, che non finisce in goleada solo per imprecisione.

San Marzano in campo col solito 4-3-3, senza lo squalificato Velotti ma con Dentice di nuovo titolare. Sul fronte opposto, squalificato Esposito, c’è Scarpa dietro la coppia Orefice-Trimarco. Al minuto numero 8 duetto made in Sardegna al limite dell’area, Nuvoli appoggia a Meloni che in diagonale fa secco Landi e non esulta davanti al settore dei suoi ex supporters.

I padroni di casa in pochi minuti perdono per problemi fisici Camara e Nuvoli: in campo vanno Tranchino e Marotta. Al 30’ Meloni serve in area un assist al bacio per Tranchino, che si emoziona sul più bello e alza la mira. Un minuto dopo azione fotocopia, stavolta è Spinola a divorare un gol fatto, ma c’è la bandierina a mitigare la delusione.

Al 40’ contropiede orchestrato da Tranchino e Marotta, palla in area per Spinola che trova solo una deviazione in angolo. Al 42’ La Montagna lancia col contagiri per Marotta, che con la coda dell’occhio “pizzica” Landi fuori dai pali e lo fredda con una volée da cineteca.

Prima del recupero, dopo l’unica occasione oplontina con Orefice al 44’, Spinola chiama Landi alla parata in due tempi dal limite, poi La Montagna alza di poco su punizione.

Nella ripresa la musica non cambia e il San Marzano triplica al 13’. Ancora Tranchino e Marotta rapidi sulla destra, il numero 10 blaugrana pesca Meloni tutto solo sul secondo palo per il 3-0. L’undici di Pirozzi si concede una sola disattenzione al 19’: Trimarco scappa in contropiede, Palladino ritarda l’uscita e lo stende in area. Rigore netto, trasformato dallo stesso centravanti dei bianchi.

Al 23’ il Savoia reclama un rigore per un presunto tocco di mano su calcio d’angolo. I pericoli oplontini terminano qui. Al 37’ il palo respinge la velenosa punizione di Potenza da posizione defilata. Nel finale Liccardi sembra vittima di una maledizione, perché in tre circostanze non riesce a trovare la via della rete su assist di Tranchino (43’), Dentice (46’) e Marotta (48’).

Poco male, perché il San Marzano porta a casa comunque il bottino pieno. Blaugrana ai play-off nazionali, dove affronteranno la Reggiomediterranea al primo step. Andata in Campania domenica prossima, ritorno in Calabria il 5 giugno.

SAN MARZANO (4-3-3): Palladino; Dentice, Caso, Chiariello, Fernando; Nuvoli (24’ pt Marotta), Matute, La Montagna (18’ st Lettieri); Camara (20’ pt Tranchino), Meloni (16’ st Liccardi), Spinola (25’ st Potenza). A disposizione: Grimaldi, Cesarano, De Bellis, Maiorano. Allenatore: Pirozzi.

SAVOIA (4-3-1-2): Landi; Credendino (39’ st Spavone), Esperimento, Rega, Russo C. (1’ st De Stefano); Napolitano, Foti (25’ st Pisani), Liberti; Scarpa (6’ st Borriello); Trimarco, Orefice (25’ st De Rosa). A disposizione: Russo A., Conti, Grieco, Santoro. Allenatore: Carannante.

ARBITRO: Saugo (Bassano del Grappa). Assistenti: Guerra (Nola) e La Regina (Battipaglia).

RETI: 8’ pt Meloni (SM), 42’ pt Marotta (SM), 13’ st Meloni (SM), 20’ st Trimarco rig. (SA).

NOTE. Spettatori: 1200 circa. Ammoniti: Russo C. (SA), Marotta (SM), Credendino (SA), Palladino (SM), Tranchino (SM), Esperimento (SA), Pirozzi (all. SM), Spavone (SA). Calci d’angolo: 3-1. Recupero: 3’ pt; 5’ st.

LASCIA UN COMMENTO