RECALE (CASERTA) – Serata di grande sport a Recale dove si è svolta la semifinale e la finale della Coppa Italia ASI di calcio a 5 femminile. La manifestazione, organizzata magistralmente dal responsabile del settore calcio ASI di Caserta femminile Antonini Gianluigi si è aperta con la semifinale tra Cales eLimatola, che ha visto i primi vincere nettamente sui secondi e classificarsi per la finalissima vinta contro il Torum.

Prova di forza quindi del Cales Club di Massimo Zona, uno dei massimi esponenti del futsal di Terra di Lavoro, e Mario Cipro, che in una serata conquistano la prima delle 3 competizioni organizzate dall’ASI per il settore calcio femminile, dimostrando di essere un club di assoluto livello che può puntare tranquillamente al “triplete”. La vittoria, più che giusta, è arrivata su un campo “ostico” che ha visto i tifosi del Torum, seconda classificata, applaudire le proprie beniamine fino alla fine. Tante le ragazze che si sono messe in mostra durante le fasi finali del torneo, dimostrando che nonostante il calcio femminile in Italia stenta a decollare, nel casertano tale settore è già una realtà la quale aspetta solo di essere consacrata. Tra le migliori in campo infatti troviamo Giusy Di Lorenzo, capitano ed allenatore del Limatola che è riuscita a dare le giuste dritte alle proprie compagne, dando del filo da torcere al Cales. Tra le seconde classificate spicca indubbiamente il portiere Pieretti Daniela, migliore in campo tra le sue, brava a recepire gli insegnamenti del proprio allenatore PaoloLubreglia che è riuscito a prepararla al meglio per partite di questo peso ed il capitano Monteforte Maria, autrice di un gol. Tra le neo campionesse, allenate da Mario Cipro, spiccano Carolina d’Addio e Marrocco Amalia, senza dimenticare Alessia Orsi. Alla premiazione era presente l’organo tecnico Pietro Iannucci ed il responsabile del settore calcio nazionale Nicola Scaringi che, nel post partita ha spiegato l’importanza di accendere i riflettori sullo sport “in rosa” che ha tanto da insegnare alla società.

LASCIA UN COMMENTO